Patologie e trattamenti

DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA

La distorsione alla caviglia è la perdita dei rapporti articolari tra le ossa distali della gamba (Tibia e Perone) e il primo osso del piede, l'astragalo, e prende il nome di "Distorsione Tibio Tarsica". Ne possono essere affetti anche i legamenti, i muscoli e tutte le strutture della zona. Questa articolazione è la più frequente colpita soprattutto nello sport come il calcio, la corsa, il basket, la pallavolo, probabilmente per il carico di tutto il corpo che ne subisce. Una distorsione della caviglia è frequente anche fuori dall'attività sportiva con i gesti di tutti giorni come nel cammino. La zona maggiormente colpita è la parte esterna per un movimento forzato verso l'interno del piede.

Il trattamento della distorsione dipende dell'entità della lesione e della fase in seguito al trauma. La prima fase, dal momento del trauma ai primi 3-5 giorni, è indirizzata alla lesione stessa: protezione, riposo, ghiaccio, compressione, elevazione (protocollo "PRICE"). Dopo i primi giorni, ovviamente con un controllo radiografico per assicurarsi che non sia presente una frattura, si può iniziare con movimenti cauti per incoraggiare una guarigione ottimale. Man mano il trattamento cambia e i movimenti devono seguire una progressione con carichi normali secondo la risposta sintomatica e sono indicati dal fisioterapista. L'ultima fase consiste in un ritorno del movimento completo in assenza del dolore per una normalità funzionale, che dipende delle richieste di ogni singolo paziente. Questa fase è molto importante per ridurre il rischio di subire altre distorsioni.